Cos’è il fango nero?

Il fango nero è una sostanza gelatinosa che si trova nei motori a combustione interna. È causato, ad esempio, da problemi meccanici come un sistema di ventilazione del basamento non funzionante. Un’altra causa comune sono i troppi viaggi brevi in ​​cui il motore non raggiunge la temperatura di esercizio abbastanza spesso.

Quali sono le conseguenze del fango nero?

La morchia nera nell’olio motore fa perdere all’olio il suo effetto lubrificante. Inoltre, la sostanza gelatinosa si indurisce in modo relativamente rapido, il che può causare ostruzioni nei canali dell’olio e problemi meccanici come fasce elastiche bloccate. Naturalmente, c’è molto più danno meccanico quando i canali dell’olio si intasano, poiché la lubrificazione viene quindi persa in determinati punti del motore.

Cosa posso fare per prevenire il fango nero?

La formazione di fanghi neri va sempre evitata. Infine, come descritto sopra, le conseguenze possono essere gravi. Ci sono diverse cose che puoi fare da solo per evitare che ciò accada. Prima di tutto, è importante cambiare sempre l’olio in tempo. L’olio perde il suo potere lubrificante nel tempo, anche perché è sempre presente una qualche forma di contaminazione. Intervalli di cambio olio troppo lunghi sono spesso causa di problemi con l’auto. Consigliamo di cambiare l’olio ogni 10.000 chilometri.

Inoltre, può essere utile eseguire un lavaggio del motore di aggiornamento 1 su 3. Puoi applicarlo tu stesso se sei un po’ esperto, ma puoi anche richiederlo al tuo laboratorio. Infine, nello spirito della prevenzione più che della cura, si consiglia di utilizzare un additivo per olio a base di teflon. Tale prodotto crea uno strato di teflon all’interno del motore. Questo strato di teflon ha un effetto bilaterale. Da un lato, protegge il motore dall’usura, ma dall’altro assicura anche che le sostanze inquinanti abbiano meno probabilità di attaccarsi al motore. In altre parole, previene l’inquinamento e quindi la formazione di “fango nero”.